domenica 21 settembre 2014

GIS parte 8: nascita dello scafo

4 commenti
Grande emozione quando Sabato 6 lo scafo ha preso in poche ore, e quasi per magia, la sua forma, e le linee del Goat Island Skiff sono comparse per la prima volta: lo scafo è entrato nella terza dimensione!
Eh si, 3D. Grande emozione ma anche timore di sbagliare qualcosa in questa delicata fase, dove la resina epossidica blocca per sempre tra loro i vari pezzi, incusi eventuali errori. E' stata anche una liberazione nel togliere dalla casa tutti gli enormi e ingombranti pezzi di barca che erano diventati abbastanza insopportabili.

Ma andiamo con ordine. Un test a secco, con sole viti, lo avevo già fatto la domenica prima. Si è trattato ora di aggiungere la colla e rimontare il tutto con le viti, usando i fori che avevo fatto precedentemente. 

[I fianchi sono collegati al diritto di prua]
[Inizio a chiudere le code..]
Ho inizialmente unito saldamente le due fiancate al diritto di prua (cioè lo stem), ottenendo una enorme V che ha riempito da un muro all'altro tutto il piccolo cortile. A questo punto è iniziata la parte più difficile con l'incollaggio della paratie n.1 e n.2. Questa fase prevede di avvicinare tra loro le code delle due fiancate e quindi creare verso prua una struttura a forma d A, molto, molto tensionata. Ho fatto tutto da solo grazie all'utilizzo di un paranco. Io ne ho inventato uno di stampo alpinistico (usando moschettoni, corda e fettucce) e intagliandomi ad hoc due ganci ricavati da due pezzi di legno di scarto. E' anche possibile usarne uno già preparato come quelli di fettuccia usati per fissare i carichi sui camion.

[I due ganci allargano la parte alta, mentre in basso il paranco chiude]
[Il paranco e la paratia n.1]
Non è stato facile, poiché la colla costituisce uno strato molto scivoloso e la paratia n.1 vorrebbe disperatamente uscire schizzare verso l'alto: gli scricchiolii sinistri dei legni che si piegano, la colla che va dappertutto, il paranco da tirare e bloccare, cacciavite e viti che scappano, gli allineamenti segnati a matita da ritrovare con precisione... un lavoraccio. Alla fine, più facilmente incollo la paratia n.3, la n.4 e FINALMENTE ..lo specchio di poppa.

[A metà del lavoro]
[Lo specchio di poppa è incollato]
Guardando la creatura, rimango estasiato dalle linee che sono letteralmente sbucate dal nulla. I fianchi che poco prima, coricati a terra, avevano una forma sgraziata, ora hanno l'inconfondibile linea prevista dal progettista: prua è alta e diritta, il bordo è dolce e scende con continuità verso poppa. Si è formato il rocker, cioè la curvatura prua-poppa dei bordi inferiori dei fianchi. La sezione di prua è affilatissima... un vero Goat Island!

[Uscita dalle tenebre!]
[Il lavoro con la pialla Stanley sui chinelogs]
La seguenti sere dopo il lavoro sono spese in un lungo ma piacevole lavoro di pialla, col fine di spianare i due chinelogs (cioè i montanti inferiori) e creare la superficie piana adatta all'incollaggio del fondo. Una accurata verifica della geometria dello scafo non evidenzia anomalie di simmetria. Che sollievo! Una imprecisione in realtà c'è: la paratie n.3 e n.4 sono montate lievemente (qualche millimetro) basse e dovrò spessorarle prima di incollare il fondo. Poco male. Un lavoretto imprevisto si aggiunge, ma l'inconveniente si risolverà senza lasciar tracce.

[L'allineamento delle paratie: la perfezione!]
[La produzione massiva di trucioli di Cedro Rosso
segna il procedere del lavoro di piallatura dei chinelogs]


mercoledì 3 settembre 2014

GIS parte 7: sempre avanti!

2 commenti
[psichedelica trama del Douglas, per lo specchioo di poppa]
Dopo una pausa di due settimane ad Agosto (dall'11 al 24) i lavori al Goat Island Skiff sono proseguiti senza sosta nelle luminose sere estive (spesso notti) al rientro dal lavoro e nei weekend. Il meteo piovoso non mi ha fatto rimpiangere le salite in montagna ma nemmeno mi ha aiutato nei lavori, a volte obbligando a sbaraccare il cortile all'arrivo delle prime gocce. Sempre seguendo il dettagliato progetto del sig. Michael Storer ho fatto piccoli ma costanti progressi arrivando, domenica scorsa a realizzare -udite udite- il primo montaggio a secco 3D dello scafo! Prossimamente foto.
Ma andiamo con ordine. Ho imparato a fare gli scarf-joint per unire i listelli che userò per le falchette. Ho realizzato tutti i fori previsti nelle quattro paratie, ho trovato e comperato il Douglas, l'ultimo legno mancante all'appello, ho costruito lo specchio di poppa, ho unito tra loro le due metà dei fianchi e del fondo, ho resinato e levigato una gran parte delle superfici.
Adesso l'obiettivo è chiaro: assemblare in cortile lo scafo in modo da liberare la casa dai legnami prima del 15 settembre: infatti inizieranno le scuole e abbiamo bisogno di avere una casa "abitabile". Il cantiere si trasferirà definitivamente in cortile.

 [Scarf-joint primo step: Taglio obliquo delle due estremità dei listelli, dopo aver tracciato a matita il profilo di taglio]

[Scarf-joint: taglio obliquo eseguito. I due listelli sono affiancati tra loro e bloccati per garantire lo stesso identico angolo di taglio]
 [Scarf-joint secondo step: i due listelli sono incollati lungo la superficie obliqua e bloccati con morsetti fasciati con fogli di plastica per evitare che si incollino anch'essi. I listelli di Douglas, dopo la giunzione lunghi 6 m, formeranno le due falchette]

[Le quattro paratie e lo specchio di poppa, asciugano dopo l'ultima mano di resina epossidica]

[Butt-joint delle due fiancate: i pesi tengono la pressione sull'incollaggio mentre la resina mescolata con la polvere di silice asciuga. I fianchi sono inoltre stati preparati con nastro adesivo a mascherare i futuri punti di incollaggio con le paratie, in previsione della stesura della resina]

[Fuori piove: la resina appena stesa sulle paratie viene fatta asciugare ..in bagno]
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
.