giovedì 25 aprile 2013

Proprietà privata: una soluzione

9 commenti
A chi non è capitato di andarsene in giro ed imbattersi in uno di quei bei cartelli che -con o senza catena di sbarramento- precludono il passaggio? Parlo proprio di quel cartello, "PROPRIETA' PRIVATA". Senza nessuno, senza motivo, solo per il gusto di farti notare che .. "qui è mmio!". Domenica mi sono concesso una bella corsa solitaria, ruspante, su in collina. Ritmo teso ma ancora godibile e in leggera progressione: salita per il sentiero n.27, giro attorno alla Basilica di Superga, e poi giù per il  sentiero n.29 ...ed eccolo lì, quasi in fondo alla vorticosa discesa ...nuovo, lindo, scintillante ..proprietà privata! Cosa dovrei fare? Risalire fino in cima???

Ci sono presone che sanno spiegare meglio di altre le cose. Jerome K. Jerome è una di queste. Proprio in questi giorni mi è ricapitato in mano il suo manuale "Tre uomini in barca" (1889) che  affronta magistralmente questo (e tanti altri) argomenti. Io mi sento di condividere il pensiero dell'autore:

... La vista di quei cartelli ha la capacità di risvegliare in me gli istinti peggiori. Provo il desiderio di strapparli ad un ad uno, e di inchiodarli sulla testa dell'uomo che li ha messi lì, uccidendolo, e poi di seppellirlo e metterli il cartello a guisa di lapide.
Quando accennai questi miei sentimenti ad Harris lui mi rispose che sarebbe andato addirittura oltre. Disse che non solo provava il desiderio di uccidere l'uomo che aveva voluto appendere quel cartello, ma che avrebbe voluto sterminargli anche la famiglia, gli amici e tutti i parenti fino all'ultimo, e poi bruciargli la casa. Questo a me sembrava un po' esagerato e glielo dissi, ma Harris rispose: "Nemmeno per sogno. Gli starebbe proprio bene, e per finire andrei a cantare canzoni comiche sulle rovine".

lunedì 22 aprile 2013

Ritocco stagionale

0 commenti

Primavera, tempo di cambiare la foto dell'head del blog. La primavera è tempo per fare tante cose. Per esempio per belle gite di scialpinismo: le giornate si sono allungate,  il sole è ormai caldo, la neve è ancora abbondante. Qui si era l'anno scorso al Petit Tournalin, una classica della Val Tournance, da Chenal. Silvia scarpina sulla destra...

sabato 20 aprile 2013

Emanuele fighting: da Giaveno con furore

4 commenti
Domenica scorsa. Sono sugli spalti del palazzetto sportivo di Giaveno, ove si sta tenendo una gara giovanile di Judo. Emanuele -8 anni- , seduto a bordo tappeto,  aspetta tranquillo il suo turno. Intanto assisto con un po' di disagio ai combattimenti in corso sui 5 tappeti disponibili. Vedo bambini che fanno volare bambini, bambini avvinghiati, bambini che rotolano, mentre seriosi ed eleganti giudici assegnano via via le vittorie. Devo ammettere che comunque tutti 'sti pupattoli sembrano divertirsi molto. Io invece non mi sento per niente tranquillo. Io non so niente di judo. Non ho mai praticato sport di combattimento, a pensarci neppure sport dove è previsto un contatto di qualche tipo. Eh si, sotto sotto ho paura per lui, lui che -di indole tranquilla- tempo fa mi aveva candidamente dichiarato la sua tattica di lotta: papà, io non attacco mai! Ma Emanuele, ..cosa dici??!?
Ecco che è il suo turno. Si alza, si porta sul tappeto [aria quasi assonnata]. Poverino, penso. Cenno del giudice. Inchino reciproco. Presa... alle mie spalle si alzano le urla dei sostenitori del piccolo avversario: genitori, zii, prozii: "BUTTALO GIUUUU!!, Quattro, forse cinque secondi ed Emanuele catapulta a terra il suo avversario. Una sola

domenica 14 aprile 2013

Rossa di Sea (2750 m.)

0 commenti
Gita con Mario B., Roberto D. e Gabriele M. e molti altri che si aggiungono o si incontrano!
Giornata di sole tosto e assenza di vento: molto caldo dunque.
Val d'Ala di Lanzo, Balme (1430m.): si parte alle 7.45 dall'auto passando da Bricco, il che implica un notevole portage (400 m. disl.?) e si è in punta (2750 m, la vetta sci alpinistica) alle 11. In vetta la montagne attorno brillano di neve che si trasforma e ci attardiamo a scendere. In discesa fino al piano di Ciamarella la neve è eccezionalmente bella, nel tratto di canale sopra il rif. Ciriè l'innevamento non è del tutto coprente, ma sciabilissimo, lungo il pian della Mussa si spinge su neve molle, ma

venerdì 5 aprile 2013

Alla scoperta di Roma

13 commenti
E' la capitale d'Italia e lo è stata del mondo. Sappiamo che i nostri 2 ragazzi sono interessati e io so di essere molto ignorante a riguardo. Urge porre rimedio. Una visita a Roma, s'ha da fare. Lo stile polisportivo impone il campeggio. Alla bassa pressione prevista per i prossimi giorni con centro proprio sul Lazio opponiamo una nuovissima super-tenda, giusto giusto da collaudare. E nel bagaglio trova posto l'attrezzatura sportiva: tutto per la corsa e l'indomabile slackline. Ho anche scovato un contatto con un circolo nautico locale per poter affittare una deriva per veleggiare sul lago alla sera. Purtroppo sarà quasi tutto inutile...ci usciranno solo due corse lungolago, peraltro molto bagnate! Ma procediamo con ordine.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
.