martedì 20 dicembre 2016

Bric de Mezzogiorno (2986 m), uno sci rotto

4 commenti
Ovvero P.ta del Beth.  Con Silvia. 

Domenica 18 Dicembre. Ultimo giorno di bel tempo prima di una perturbazione. Vorrai mica andare in centro per spese natalizie?

Per la terza volta quest'anno in Val Troncea.. si direbbe ci abbiamo fatto l'abitudine. Ma è un momento propizio per queste montagne. Neve durisima e non eccezionale ma coimunque gran bella gita. L'accesso avviene tramite la pista di fondo e il Rif. Troncea: quanto basta a far la selezione e ridurre il numero dei pretendenti.
In discesa, scesi gli sconfinato pendii sommitali, ci infilianmo un un ripidissimo e laborioso bosco, prima di ricollegarci al Rif. Troncea.
Si registra purtroppo il cedimento di uno sci di Silvia: rotto sotto l'attacco a causa di un probabile sovraccarico e della neve durissima. Per fortuna non ci impedisce di sciare fino alla macchina.
1370 m di dislivello.

lunedì 19 dicembre 2016

VendeeGlobe, aggiornamento#5 - giorno43

0 commenti
Guai grossi per il giovane francese Ruyant che va a sbattere con il suo IMOCA60 Le Souffle du Nord contro un probabile conteiner spezzando lo scafo. Al momento della collisione navigava a 17 nodi. E' in atto corsa contro il tempo (e l'acqua) per raggiungere la Nuova Zelanda prima del sopraggiungere di una bassa pressione e quindi di affondare. Per fortuna si trova nella zona di copertura degli elicotteri.


D43 : Ruyant's reaction to the damage... di VendeeGlobeTV

Tutte le news direttamente dal sito della Vendee Globe

domenica 18 dicembre 2016

"Quasi" al Clot della Soma

3 commenti
Questa gita stava rimanendo indietro...

Domenica 11 Dicembre.  
Gita con Ema e Silvia con partenza da Val Troncea, località Pattemouche. Tempo - manco a dirlo- bello stabile con l'alta pressione che non se ne vuole più andare. Saliamo inizialmente lungo la ripida pista da discesa (chiusa) per poi traversare a destra nel bosco, fino a ricongiungerci con la strada che parte da Laval.
Gita facile e piacevole ma a causa la scarsa motivazione della truppa, rinunciamo alla meta iniziale, il Clot della Soma (2417 m.) e raggiungiamo invece il Refugium a quota 2250m. Discesa ancora su neve

domenica 11 dicembre 2016

Il lago blu ..era bianco

0 commenti
Gita dell' Immacolata al Lago Blu, una breve escursione (senza sci) in un posto incantevole, l'alta valle che Champoluc.
Con amici polisportivi Nicola, Silvia, Chiara e Barbara.
Il lago, appena gelato, era coperto da un bianco strato di neve.

sabato 10 dicembre 2016

Ponte dell' Immacolata sul Monte Pelato

0 commenti
[In vetta]
Ebbene, non è il Monte Calvo di Mussorgsky con l'eterna lotta tra il bene ed il male, ma il Monte Pelato della Val Troncea.
Monte veramente pelato, visti i lunghissimi pendii finali uniformi e privi di qualsiasi albero od ostacolo. Una gita da effettuarsi in condizioni di buona stabilità del manto nevoso, proprio come in questo periodo. Ma non ostante la certezza delle ottime condizioni, non nascondo che in cima ho provato un senso di irrequietezza al pensiero di quello che le forze della natura possono scatenare qui, in condizioni di manto instabile.. E questo spiega il perchè mi

mercoledì 7 dicembre 2016

Liguria sailing #4, da Camogli a Genova

0 commenti

Lunedì 1 Novembre. Il risveglio cullato dal mare è sempre una bella sensazione. E' strano: non si può dire di dormirci comodamente su Mira, ma forse per la stanchezza accumulata durante il giorno o per la soddisfazione di esserci (mica da tutti, eh?), il risveglio è sempre assolutamente appagante.
Non ostante il programma per la giornata di oggi sia intenso, c'è tempo per tutto: lavaggio denti, riassetto attrezzatura e ..colazione al bar in piazza. Quattro chiacchiere con un abitante del luogo mentre ancora il borgo dorme e poi via, si mollano gli ormeggi. Oggi vorrei

martedì 6 dicembre 2016

VendeeGlobe, aggiornamento#4 - giorno29

0 commenti
A quasi un mese dalla partenza dalle coste francesi di Sables d'Olonne si sta tenendo un incredibile duello per la prima posizione: l'inglese Alex Thompson, pur con un'ala danneggiata e il francese Armel le Cleac'h. Navigano ormai alla longitudine dell'Australia e attualmente Alex è indierto di 90 miglia soltanto, un nulla rispetto alla distanza finora percorsa. Condizioni durissime pare laggiù nei mari del sud, sempre con velocità attorno e oltre i 20 nodi (quest'anno si avranno probabilmente tempi da record), e non pochi problemi per barche e concorrenti. 
Faccio un riassunto dei bollettini di guerra..
  • 13/11: Tanguy De La Motte rompe la testa dell'albero: inverte la rotta e rientra in Francia
  • 19/11: Bertrand de Broc si ritira dopo una collisione avvenuta al largo del Portogallo.
  • 22/11: Vincent Riou subisce un grave danno alla chiglia e si ritira  dirigendo su Cape Town.
  • 24/11:  Morgan Lagraviere si ritira in seguito alla rottura di un timone
  • 04/12: Kojiro Shiraishi disalbera mentre naviga di notte ed è costretto al ritiro.
Rimangono in gara 24 barche e 24 temerari skipper, alle prese con i Quaranta Ruggenti.

Qui un emozionante video che vede Armel le Cleac'h e Alex Thomson ripresi da un elicottero della marina Francese in uno dei posti più remoti della terra.

domenica 4 dicembre 2016

Silvia alla Testa del Grand Etret (3201 m.)

2 commenti
[Un mare... senza barche]
Sopra ad un mare di nuvole splende il sole. Silvia con gli amici Alberto, Davide, Luciano e Gabriele
Partenza da Pont Valsavaranche, gita con esposizione Nord, auspicio di buona neve ma certezza di assoluta ombra. 
Cima raggiunta per il colle Orientale.
Discesa su neve di qualità molto variabile, dalla polvere alla crosta, non sempre portante.

sabato 3 dicembre 2016

Benvenuti a bordo di Maserati Multi70!

0 commenti
Giovanni ci fa fare il "giro della barca". Per essere un 70 piedi c'è veramente poco, ma è la chiave di volta per... volare!



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
.