venerdì 27 giugno 2008

1° Stratomino

6 commenti
Enrico

Gara podistica serale in località Mastri, genuina proprio come i rinomati tomini locali.
Partenza tra le case del piccolissimo centro, poi sterrato abbastanza accidentato e polveroso tra la campagna. Due giri, con provvidenziale doccia-rinfresco a metà della fatica, anche se il caldo stasera mi sembra meno cattivo che l'altro ieri a Bosconero. Già, Bosconero: le gambe in effetti non si sono ancora riprese del tutto e anzi mi sembra di intravederci le belle venature del mogano...

Va bè, l'importante è esser qui. Tanto più che durante il riscaldamento incontro l'amico Giuliano, fotografo (ma anche runner), armato di due corpi macchina-paura: allora stasera foto per tutti, penso.
Da lì a breve, compaiono 2 baffi e una canottiera blu della Sportiva Setzu. E' il segnale: è lui penso. Sparo un, "hei tu, hai un blog!?" frase già sfoderata diverse volte ultimamente. Per la prima volta non ricevo risposte tipo "Che cosa???", oppure "Ma, ..è grave?", "Non lo sapevo",ecc...
Invece, gran sorriso da ..E io corro! runner di talento, che dopo le presentazioni mi sembrerà di conoscere da sempre.

La gara la prendo "bassa" e corro ad una media di 4'20"/Km, per una volta cercando di concentrarmi sullo stile e il gesto, anzichè sullo spingere al limite.
In effetti me la godo un sacco, riuscendo anche a guardarmi attorno anzichè avere lo sguardo a fuoco sull'infinito, come mi capita di solito.

Finisco con un inaspettato 7° di categoria e devo al nuovo amico il recupero del sacco premio, che altrimenti avrei perso.

32'10" per 7,4 Km. PMedie: 168
Arrivo 59°su 151 = 39%.

mercoledì 25 giugno 2008

38° Giro del mulino

2 commenti
Enrico

Gara podistica notturna in località Bosconero.
Serata afosa. Sulla piazza del municipio, effettuo il riscaldamento e assisto al bello spettacolo delle partenze (e arrivi) delle categorie giovanili. Noi vecchi siamo in 131. Vedo aggirarsi tante facce note, ma non riconosco nessuno dei fantomatici blogger che imperversano in rete (solo alla premiazione conoscerò Igor, che conclude 3° assoluto).

Memore della gara di Bairo, decido per una tattica di gara prudente, tanto più che ultimamente non ho corso gran che. Partirò un po’ più cauto del solito, per poi eventualmente allungare durante la gara.

Così faccio, ma dopo neanche 1 km, sento la fascia del cardio (che indosso attorno al petto) che inizia a scivolarmi verso il basso. Cerco di rimanere concentrato, ma la discesa continua inesorabile. Non mi è mai successo prima d’ora. Sono incerto se è per via dell’elastico che si è allentato o per via del torace che si è ingrossato in conseguenza degli allenamenti. …mi convinco della seconda ipotesi. Fatto sta che presto il cardio non dà più informazioni. Che bello, corro a sensazione.

Il gruppo è molto sgranato e tengo bene la mia posizione. Il dirittura d’arrivo sono in volata con il Piercarlo. Buon segno: nelle altre gare me le ha sempre suonate.

Alla premiazione sento chiamare il mio nome…sicuramente un caso di omonimia..No, sono io. Ottavo di categoria! E’ la prima volta che non arrivo “–esimo”. Ritiro un grosso sacco premio che scoprirò contenere: 3 confezioni di tonno, 3 di manzo, the, succo di frutta, sugo al basilico, biscotti dolci, biscotti salati, wafer, … una pacco di 4 rotoli di carta igienica: rifletto sul messaggio intrinseco di quest’ultimo pezzo…

Per la cronaca ci ho messo 31’33” per una distanza di 7,7 Km. Dunque 4’05”/Km.
Impeccabile l’organizzazione.

PS. Sono arrivato 37° su 131 arrivati. Dunque al 28,2%.

lunedì 23 giugno 2008

Lago di Arpy

1 commenti
Silvia, Carola, Emanuele
Con: Luca

"Papà, qui ci sono i fiori e io sono anche caduto nel lago..."

Altro giro, altro regalo: questa volta con l'estate appena esplosa. Mi raccontano per telefono di una giornata tersa e di colori bellissimi. Posso provare a immaginarli, perchè non ci sono foto.

domenica 22 giugno 2008

Campionato Italiano Salita TC

0 commenti
Enrico.

Con: Enrico, Giuliana e Alberto.

Gara di skiroll in tecnica classica, valevole per il titolo italiano, in località Semonzo del Grappa.

Il percorso, con partenza dal paese e arrivo al colle (zona di lancio dei deltaplanisti locali), si sviluppa per 9,2 Km lungo una bella strada a tornanti (17 per la precisione) con pendenza mai estrema ma molto costante (8% circa).

Si danno battaglia 200 atleti di tutte le età, divisi tra le varie categorie previste.



I primi giorni di alta pressione garantiscono un tempo bello ma cadissimo: fino a 30 gradi!

La strada, non ostante gli alberi compatti che la proteggono di lato, risulta esposta al pieno sole: questo sarà l'inconveniente che ogniuno dovrà gestire al meglio, dando fondo alle proprie riserve fisiche ma soprattutto mentali.




Alle 10.05 iniziano le partenze a cronometro, e la tensione dell'attesa si dissolve nell'azione: salgo a ritmo costante con passo alternato e

a tratti con passo spinta: subito il caldo si fa sentire con una sensazione opprimente di afa. Impiego 53'10" ad arrivare al traguardo andando sul filo della soglia aerobica: 174 pulsazioni medie. Alfio Di Gregorio (Forestale) in 34'07", seguito da Sergio Bonaldi e Simone Paredi (entrambi dell'Esercito): questo il podio, che dà l'idea del livello della gara...

Nel nostro gruppo, la Giuliana viene premiata con una prestigiosa terza posizione di categoria.

Io sono 68mo su 99 uomini. Meglio dell'anno scorso, ma la strada è ancora lunga, spero.

Alla premiazione conosco la mitica Eugenia Bitchougova, atleta russa di livello "spaziale" (11 volte sul podio alla Marcialonga, 8 volte prima alla Val Casies, 6 volte alla Dobbiaco-Cortina, medaglie ai mondiali e Olimpiadi, tanto per dare l'idea).

Con lei discuto dell'uso del cardiofrequenzimetro, e rimango esterefatto della sua teoria che non concede eccezioni:

"non serve a niente, anzi fa andare più piano! Tu devi "SENTIRE". Devi sentire quando puoi andare più forte e quando invece vai troppo. Io non guardo più neanche il cronometro...so già quanto ci ho messo e sbaglio sempre di poco!".

E voi, cari amici podisti/skirollisti tanto amanti (come me) del vostro Garmin o Polar cosa ne pensate?


Foto dall'alto:

- Enrico e Alberto preparano gli attrezzi per la gara.
- Giuliana e Simone durante la premiazione
- Il podio femminile con Eugenia (1a) e Giuliana (3a).

Classifica completa: http://www.skiroll.it/2008/bassano/ClassificaBassano2008.pdf

sabato 21 giugno 2008

Extreme ping-pong

0 commenti
Enrico.
con Giuliana

Nuovo sport a cui si affaccia la Polisportiva, grazie alla collaborazione della Giuliana, veterana di questa funambolica specialità.

Trattasi di "mini ping-pong", giuoco anche conosciuto in letteratura come "micro-tennis".
Essenziale il controllo della potenza e della precisione di tiro a causa delle dimensioni ridicole del tavolo. Questo non pregiudica pèrò la velocità e la spettacolarità dei passaggi.

Punteggio delle due incontri disputati:
2-1 per Giuliana
2-0 per Enrico


martedì 17 giugno 2008

Corsica

1 commenti
Enrico, Silvia, Carola, Emanuele
Con: Luca

Bella vacanza a lungo anelata. 9 giorni e 8 notti all’aria aperta per rigenerare corpo e spirito. Come di consueto, stile campeggio minimale: in 5 in una tenda da 4, molto gas per cucinare, molta voglia di esplorare. Con noi quest’anno anche il mitico Luca.

Partiti sabato 7, viaggiamo con un tempo infame alla volta di Genova. La navigazione verso Bastia ci concede qualche raggio di sole, ma la Corsica è di nuovo coperta da spesse nuvole nere.

Discesa in macchina lungo la costa est fino al paese di Solenzara, per poi tagliare nell'interno e risalire la splendida strada per il colle della Bavella (quota m. 1218, pioggia e nebbia) e scendere alla costa ovest sul golfo di Propriano. Qui, al termine della lunga giornata montiamo la tenda in un tranquillo campeggio.

Per i seguenti 4 giorni il tempo si mantiene buono, con qualche pioggia notturna e nel complesso sole durante il giorno. Facilmente ci abituiamo tutti al nuovo ritmo di vita, scandito solo dai ritmi solari.

Esploriamo alcune spiagge semi-deserte attorno a Porto Pollo. La più bella, quella di Cupàbia, raggiunta a piedi in circa 1 ora, prima di sentiero, poi, bloccati da una palude (tutta la Corsica ha ricevuto abbondantissime precipitazioni), attraverso un pascolo tra capre incuriosite.

Dopo 4 giorni, una situazione meteo più favorevole al nord ci fa optare per un trasferimento alla zona di Calvì / Ile Rousse, che raggiungiamo viaggiando attraverso il tormentato territorio interno (Corte). Spostiamo quindi il campo a Ile Rousse, dove montiamo la tenda in un uliveto con vista mare.

Godiamo delle belle spiagge di Ile Rousse, di Calvì, di Algajola e -in una mattina ventosissima- della selvaggia (almeno in questa stagione) baia della Revellata.

L’ultimo giorno attraversiamo il suggestivo Desert des Agriates per raggiungere il porto di Bastia.


Qualche numero:

170: costo (euro) del traghetto x 5 pers+auto,
208: costo (euro) dei campeggi
70: numero complessivo stimato dei bagni effettuati
30: Kg di frutta e verdura consumati
7: forza del mare negli ultimi 3 giorni
3: confezioni di crema solare consumate

Foto dall'alto:

- Benvenuti in Corsica!
- La spiaggia di Abbartello
- La spiaggia di Cupabia
- Luca alla slack-line in campeggio
- Colpo di sonno a Cupabia
- Alghe alla spiaggia di Ile Rousse
- Tramonto dalla tenda
- Aquilone in volo alla spiaggia di Algajola
- La fantastica baia della Revellata
- Luca e Carola ai fornelli








giovedì 5 giugno 2008

Notturna di Bairo

7 commenti
o meglio, "Massacro di Bairo"...

Enrico.

Corsa podistica attorno e attraverso lo storico paesino di Bairo (nel medioevo fu feudo dei vescovi di Ivrea), situato su una collinetta che si innalza dalla piana del fiume Orco, in una zona molto verdeggiante. Il posto è molto bello e suggestivo.

Mi reco con buon anticipo nella piazza del paese e sbrigate le formalità dell'iscrizione, inizio il riscaldamento.

Nulla lascia presagire al massacro che da lì a poco si compirà.

Il percorso si articola su 3 giri da 2,5 Km l'uno. Un giro consiste in una moderata ma costante discesa per le vie del paese e poi per campi aperti. Brusca curva a sx e inizio della leggera ma inesorabile salita (e cambio del fondo che da asfalto diventa erba): Km1. Poi ancora salita su asfalto fino adattraversare e superare il paese, Km2. Breve rampa in salita e poi in discesa chiude il giro.

Come dicevo il tutto è "per 3", per un totale di 7,5 Km. ma quello che conta è il dislivello e l'effetto del cambio di pendenza.

In sintesi va così. Mi sento bene e parto secco: le gambe volano (è discesa) e al Km1 mi sembra di poter toccare i primi: sensazione di dominio della situazione.
Il Km 2 è in salita: cambio di passo... ma vado ancora con un buon ritmo. Così chiudo il primo giro alla grande.

Secondo giro: in discesa già qualcosa non va più come prima: il fiato va bene, ma le gambe non girano più veloci come prima, non ostante la pendenza a favore. Qualcuno mi passa (compreso una tale Federica, molto acclamata dal pubblico).
L'inizio della salita è bestiale, perchè a questo punto le gambe sono decisamente lente. Deciso calo di ritmo... anche se tento di salvare il salvabile: in fondo sono ancora in ottima posizione. Mi passano ancora in diversi, compreso Luca (del negozio di Mountain Sick). Finisce il 2 giro.


Il terzo è uno sforzo per non buttare via tutto quello fatto finora. Le pulsazioni sono alte, ma mi sento piantato. Non ricordo nulla se non che ho sofferto un caldo bestiale (anche se caldo non faceva...).


Finisco in 31'20", 75a posizione.
Secondo l'organizzazione siamo in 220, cioè al 34%.
Dopotutto -per il mio standard- non sono andato male, ma che fatica!


E voialtri, come ve la siete passata 'sta scampagnata?

domenica 1 giugno 2008

Lago di Arpy (2066 m.)

2 commenti
Enrico, Silvia, Carola, Emanuele.
Con: Luca

Tempo autunnale con nuvoloni bassi e qualche breve scroscio di pioggia.

Partenza dal Colle S. Carlo. Ennesima passeggiata al lago tra cinguettii di uccelli e qualche croco sbocciato.

Un po' di nevaio nel tratto finale e poi -bellissimo- il lago, silenzioso e ancora parzialmente coperto dalla neve.

Stiamo poco poichè il tempo ci ha già concesso troppo.

Ma quando arriva la primavera?
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
.