giovedì 30 settembre 2010

domenica 26 settembre 2010

Gara Venaria - La Mandria: impressioni di settembre

6 commenti
In un fine settimana dedicato a pesanti lavori casalinghi (si, si tratta sempre del fantomatico muro di arrampicata), mi prendo una pausa e una boccata di ossigeno recandomi stamattina a questa gara di 9,2 Km del campionato UISP.
La mattina è fresca e solare, la gente è tanta (376 partenti han detto). Ho solo voglia di correre.
Parto lento, per scelta ma anche perchè la calca è molta. Poi la fila si sgrana tra le strade sterrate/asfaltate del bellissimo parco della Mandria, con tanto di cavalli al pascolo. Per me è la prima volta qui e sono colpito dalla bellezza del posto.
Il percorso prevede un giro di boa e un ritorno lungo il percorso di andata. Corro con buone sensazioni a un ritmo che mi pare buono, praticamente tutta la gara in sorpasso eccetto gli ultimi 30 metri prima del traguardo dove sono sorpassato di slancio da 2 concorrenti sopraggiunti improvvisamente e che non riesco a contrastare. Consolazione: non erano della mia categoria..
Chiudo in 38'40, 95° assoluto. Circa 4'15/Km. 167 Pmedie, 187 Pmax

sabato 18 settembre 2010

Lavori in salotto

10 commenti
Stato dell'arte dei lavori sul progetto "muro-armadio"..
Ancora qualche tubo e poi si parte col rivestimento in legno..:-)

martedì 14 settembre 2010

Corsica 2010: seconda settimana

4 commenti
Ultima parte della sintesi della ns. vacanza, in compagnia degli amici Carlo&Elena ei loro bambini Francesco e Stefano.

Lunedì 30/8: Tranquilla giornata alla spiaggia di Aronne, col mare agitato dal forte maestrale che da qualche giorno si è imposto prepotentemente .. A sera cena con 6 branzini abilmente cucinati, grazie a luminosa intuizione culinaria di Carlo.


Martedì 31/8: Elena e Silvia partono all'alba per una lunga corsa fino alla pittoresca spiaggia di Ficaiola (..si chiama così per via degli alberi di fichi, cosa pensavate????..già, anch'io speravo..). Noi altri le raggiungiamo in auto con la colazione. Quindi siamo raggiunti a sorpresa da Giovanni&Elisabet. Per la cronaca, Giovanni, alias Zio Jo, è mio fratello e proprio in questi giorni sta vagando in moto senza meta tra Corsica e Sardegna.
Giornata memorabile trascorsa tra bagni ed arrampicate sui blocchi e le scogliere di granito rosato..
Per la prima volta da qualche anno, a sera, percepisco che ho usato le braccia....

Mercoledì 1/9: Si va tutti alla spiaggia di Porto: Carlo ed Elena in bicicletta (25Km di saliscendi sulla strada spettacolare delle calanques) gli altri in auto e moto. La spiaggia, di ciotoli, è lambita da una parete granitica sulla quale sono state tracciate alcuni tiri di arrampicata sportiva. Scarpette ed imbrago escono dallo zaino e con Carlo arrampichiamo ..come ai vecchi tempi. Nel pomeriggio facciamo anche arrampicare Francesco e Carola. Ritorno in bici per Elena ed Enrico. Cena utti assieme nella serata più fredda della vacanza, con una memorabile pasta aglio, olio e peperoncino, con pericolosa escalation nel quantitativo di peperoncino e aglio crudo usato.

Giovedì 2/9: Spiaggia di Aronne. Carlo ed Enrico, soprannominati "i cartaginesi", esplorano gli scogli alla sinistra della spiaggia (fino a ieri difesi dal mare in mosso, oggi calmo) trovando un bel traverso a pelo d'acqua con difficile passaggio finale che resisterà a tutti i tentativi. Inoltre Carlo scova un pilastrino di circa 10m che permette una scalata verso l'alto protetti solo dall'acqua sottostante.....avvincente! Lo gradiamo 5 o 5+.

Venerdì 3/9: Mattino presto. Corrono Enrico e Silvia un fartlek con allunghi di 1', 2', 3', 2', 1'  e relativi recuperi intermedi. Poi ancora arrampicata e bagni alla spiaggia di Aronne. Nel pomeriggio ci prepariamo per una sortita alla Tour de Turghju, sulla quale abbiamo deciso di cenare. 1h40' di sentiero alla luce del tramonto,   cena surreale nel silenzio, un panorama a 360° con l'orizzonte del mare del quale ti sembra di percepire la curvatura. Buon vino e poi ..tanto buio.

Sabato 4/9. Mattino: Elena corre in solitaria, un saluto alla Corsica. Giovanni&Elisabet vengono a salutarci prima di proseguire il loro viaggio. Enrico e Silvia tentano di arrampicare, ma poi si danno ai tuffi dagli scogli.....lì  riescono meglio.Per il resto giornata tranquilla alla spiaggia di Aronne.

Domenica 5/9: Partenza all'alba per le operazione di avvicinamento a Bastia e imbarco..


[Carola e il suo orso in attesa della cena, dopo una giornata di 15 bagni]

[Una mantide religiosa in visita da Elena]

[Francesco in azione alla falesia della spiaggia di Porto]

[Cena frizzante alla visita di Zio Joe&Eli]

[Carlo e la nostra palestra di arrampicata e ..tuffi]

[Cena in cima alla Tour de Turghju]

[Francesco sciacqua i sandali dalla sabbia dopo 
una dura giornata alla spiaggia di Aronne]

domenica 12 settembre 2010

Gara a Casalborgone, senza fatica :-)

12 commenti
Ripresa delle ostilità podistiche dopo la tregua estiva. Stamattina mi reco a Casalborgone, pacifica cittadina del monferrato, ove è prevista una 8Km collinare del circuito UISP strada: non trovo nessuno dei soliti compari di sgambate (forse tutti alla concomitante gara di San Giusto). Gente comunque ce n'è (si dice 300) e la gara inizia sotto ad un bel sole settembrino. Il percorso è estremamente movimentato con salite e discese, su asfalto e tratti di sterrato. Praticamente non ci sono tratti in pianura. Corro tutta la gara nello stesso gruppetto, guadagnando sempre leggermente nelle salite e perdendo il vantaggio guadagnato nelle discese. Corro tutta la gara con regolarità, concludendo abbastanza facilmente in 35'41"...ben 1'30" in meno dell'anno scorso! Arrivo 52°assoluto su 283 (18%), ma solo 11° di categoria.


Le due foto, autoscatti prima e dopo la prova, testimoniano l'assenza di qualunque segno di affaticamento.. effetto delle riposanti ferie appena concluse?

[PRIMA]

[DOPO]

mercoledì 8 settembre 2010

Corsica 2010: prima settimana

7 commenti
Lunga assenza dalla rete. Ritorno con rapida sintesi della vacanzona estiva, che ha mantenuto le aspettative. Corsica, già anticamente per i greci "kallistè" cioè "la più bella", specialmente se in compagnia di amici... molto, molto polisportivi.

Venerdì 20/8. Traghetto Genova-Bastia. Mare calmo, cielo grigio, facce bianche..Siamo con gli amici Carlo&Elena e i loro Francesco e Stefano. Nel pomeriggio viaggio da Bastia ad Ajaccio, piazziamo  tenda (nostra) e camper (amici) al campeggio "La Valleè", dietro la spiaggia di Verghja.

[cena ad ora tarda al campeggio La Valleé]

Sabato 21/8. Primo sole rovente sulla pallida pelle: ci avventuriamo alla spiaggia di Cala d'Orzu, le cui acque sono per l'occasione infestate da meduse. Impazienti di fare il bagno, ci procuriamo un po' tutti diverse ustioni sul corpo. A sera, riusciamo a perdere tra le pieghe della spiaggia 3 dei ns. bambini, che ritroviamo poi, ma disperati.
[Elena, Silvia e Carola alle prese con le meduse a Cala d'Orzu]

Domenica 22/8. Alba: le mamme Elena e Silvia corrono un lungo su asfalto per 1h45 verso Coti-Chiavari. Poi la spiaggia di Cupabia ci accoglie tutti dopo un sentiero di 50' nella macchia mediterranea. A sera lo stesso sentiero verrà poi corso in senso opposto (salita) dai papà Carlo ed Enrico.
[In cammino verso la spiaggia di Cupabia]

Lunedì 23/8. Tutti alla spiaggia di Verghja: sabbia fine, molta gente ma bellissimi bagni. A sera Carlo ed Enrico corrono su asfalto dal campeggio fino alla Tour de la Castagna e ritorno (1h23' 14Km), una delle antiche torri di avvistamento genovesi che sorgono un po' ovunque lungo la costa.
[Carlo, Enrico e la Tour de la Castagna]


Martedì 24/8. Mattina: Silvia corre dal campeggio alla spiaggia di Portigliolo (1h circa), al ritorno raccoglie a mani nude (già martoriate dalle meduse!) alcuni fichi d'india, da lì a breve mangiati.  Quindi smontiamo il campo e ci trasferiamo più a nord. Troviamo un bel campeggio alle spalle della spiaggia de La Liscia, dove l'omonimo torrente sfocia in mare formando una sinuosa ansa, nelle cui acque alcuni ragazzini praticano lo skimboard.
[Silvia in lettura alla spiaggia de La Liscia]


Mercoledì 25/8. All'alba Carlo&Elena fanno un giro in bici nell'entroterra. Poi siamo tutti alla spiaggia di Liamone-San Giuseppe, molto bella, selvatica e semideserta (abitata solo da alcuni pacifici nudisti) e ornata da rudimentali capanne di legno improvvisate. Enrico, ispirato, attraversa a nuoto la baia di circa 3km in 1h.
[Carlo, Elena e Silvia accampati alla spiaggia di Liamone]


Giovedì 26/8. Alba: Elena e Silvia corrono su asfalto per la strada deserta fino e oltre alla Tour del'Ancone (1h15'), poi tutti alla piccola e rocciosa spiaggia di Menasina, molto bella. Carlo ed Enrico traversano in esplorazione a la scogliera, imbattendosi in un incredibile nido di rapace.
[La spiaggia di Menasina]

Venerdì 27/8. Alba: Enrico corre sul percorso della Tour dell'Ancone (1h15'). Poi si smonta il campo e trasferimento verso Piana e quindi al promontorio di Aronne. Campeggio bellissimo, posto fantastico, piuttosto selvatico. Ci piace e ci rimarremo fino alla fine della vacanza. Alla sera Carlo ed Enrico trovano divertenti passaggi di arrampicata sulla scogliera del lato sinistro della spiaggia: chi sbaglia casca in acqua!
[Spiaggia di Aronne con il mare mosso]

Sabato 28/8. Alba: Elena e Silvia fanno una corsa esplorativa cercando un passaggio nella macchia verso la Tour d'Orchinu, ma trovano un passaggio verso la spiaggia di Chiuni. 1h38' di corsa. Poi tutti alla sabbiosa spiaggia di Aronne: mare mosso e vento forte. A sera i mariti emulano le mogli e corrono nella macchia per 2h14' raggiungendo l'anelata torre ma pagandola con un ritorno parzialmente al buio.

Domenica 29/8. Oggi, qualcosa di completamente diverso: gita nell'entroterra. Raggiungiamo in macchina il paese di Ota e da qui percorriamo a piedi un tratto della mulattiera genovese verso la località di Evisa, fino al ponte Zaglia. Qui ci dedichiamo al relax bagnandoci nelle bucoliche pozze d'acqua dolce dal colore verde. Provati passaggi di arrampicata su blocco.
[Carlo, Elena, Stefano e Francesco attraversano l'incredibile ponte Zaglia]
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
.