giovedì 21 giugno 2012

Gara di Alice Superiore, la più bella?

1 commenti
!!POST RITARDATARIO!!!.. 
LA GARA SI E' CORSA DOMENICA 10/6..


Ufficialmente una 10Km "collinare", in pratica una gara su un percorso di una bellezza quasi unica: siamo in Valchiusella, valle miracolosamente rimasta fuori dalle grandi rotte turistiche e chissà ancora per quanto (affrettarsi dunque!). La mattina è fresca ed il cielo sereno. Nella notte ha piovuto forte, per cui tutto il percorso, con molte salite e discese su sentiero sarà delicato. Dopo i consueti riti dell'iscrizione, vestizione, pipì, riscaldamento, il via: subito salita sterrata. Parto cauto per poi allungarmi un po' non appena la calca si dirada. Il percorso abbandona la strada poderale ora in lieve discesa per inerpicarsi su per un ripido sentiero. E' il tratto più bello in un bosco ombroso e odoroso, con alberi ad alto fusto. Varrebbe la pena esplorarlo lentamente una mattina solo con la macchina fotografica. Poi si sbuca all'improvviso su una sorta di dosso che rimane fuori dagli alberi.. leggera salita poi, piano, poi ..discesa.. sempre più ripida. Siamo quasi rientrati ad Alice.. ancora qualche picchiata in discesa su asfalto e.. finito l'anello "alto" si prosegue verso quello "basso" per chiudere il percorso che assume quindi una vaga forma di 8. Siamo al Km5. Gambe già belle frollate.. Giù ancora in falsopiani erbosi molto corribili, ma infidi (quante caviglie stortate ho visto) fino al grande lago, attraversato su passerella legnosa-scivolosa. Finale tutto in salita, ma reggo bene e taglio il traguardo con bella e lunga falcata in 48'28. Mannaggia.. 20" in più dell'anno scorso!

lunedì 18 giugno 2012

Corri a Corio, sul più bello senza benzina

4 commenti
Prima domenica di vera alta pressione estiva, e una bella gara che non avevo mai corso prima, giusto ai piedi delle bellissime Valli di Lanzo e le loro montagne. Corio. Partenza dal paese e percorso che sembra studiato apposta per mettere alla prova tutte le caratteristiche del podista sulla distanza breve di 8 Km.

Inizio soft, in netta discesa per 500 m. poi la temibile ripida salita di 4,5 Km su cui un attimo fa ti sei ripromesso di non strafare, ma che alla fine tiri come non dovresti, dato che sei ancora bello fresco..Mi ritrovo a tirare con Luca e assieme recuperiamo un sacco di posizioni, soffiando come mantici..

Finalmente spiana e la bella strada prosegue su saliscendi ben corribili. Le gambe girano ancora bene e sempre con Luca proseguiamo insieme con ottimo ritmo e alternandoci, tra continui sorpassi.. bellissimo. Poi, curva secca a sinistra e inizio della picchiata, prima su asfalto poi su sterrato anche abbastanza disconnesso... si vola.. la falcata si allunga, mi prendo qualche rischio ma recupero ancora posizioni... ecco raggiunto Beppe, lo supero poi Andrea...

Per farla breve, la discesa lascia il posto a un Km e mezzo di saliscendi da fare un po' in agilità e sul più bello...comincio a perdere i pezzi.. perdo completamente il ritmo che mi aveva guidato bene fin qui, le gambe diventano pesanti e rallentano... Vedo sfilare via Luca, Andrea, Beppe e diversi altri corridori che avevo superato poco prima.
Tengo duro e come posso arrivo al traguardo (ancora in salita!) completamente svuotato..37'13. 64° assoluto e 10° MM45. E' stata comunque una bellissima gara.

Bravissimi Corradito e Motopodista che fanno una grande gara, Guido e Stefania della podistica Leinì che corrono avendo nelle gambe la Levanto-Monterosso appena disputata..

Ma non finisce qui.. Alla prossima!

domenica 17 giugno 2012

Velisti tramano nella notte

3 commenti
Notte di progetti, tra mappe del tesoro e portolani e manuali di navigazione. Ecco qui tante rotte possibili per una settimana tutta da inventare, in mezzo al mare e nel vento. Quattro adulti, quattro bambini e una barca a vela. E come dice bene Elena, alla fine dove si va, va bene tutto, l'importante è essere in mezzo a quel mare blu blu blu. 


venerdì 15 giugno 2012

Notturna di Nole, la più veloce

3 commenti
Ieri sera gara di 6,2 Km con partenza alle 21, percorso cittadino tutto in piano che serpeggia poi per la campagna. Gara veloce dunque, forse la più veloce del circuito canavesano. Alla copetitiva siamo circa 250, pochi rispetto alla media, causa la partita della nazionale contro la Croazia quasi concomitante. Tra i tanti partecipanti ci sono Vita, Corrado, Fabrizio, Luca, tutti uomini di riferimento perché dimostratisi leggermente più veloci di me in parecchie occasioni.
Partenza con curva a gomito a sinistra (!), si corre allo stretto tra le vie cittadine, poi con più spazio. Supero alcune donne, poi riconosco 10 m. avanti Vita e lo punto. Chiudo il K1 in 3'40. La corsa prosegue, i motori sono ormai caldi, le gambe girano. Ascolto il particolare suono delle scarpe del gruppo dull'asfalto.. Le posizioni rimangono invariate. Scorgo 30 m. circa più avanti Fabrizio che sembra perdere terreno. K2 in 3'41. Ora la strada è appena in salita. Inizio a perdere Vita, metro dopo metro lentamente si allontana fino a raggiungere e superare Fabrizio. Mi trovo di fianco Luca, che però dopo poco rimane indietro. K3 in 3'54. Inizio a fare il conto di quante energie ho ancora da spendere.. sono in difficoltà. Vita è ormai nettamente avanti, io ho raggiunto Fabrizio che però inizia a riguadagnare terreno...Là, molto avanti riconosco Corrado. K4, 5 e 6 tutti a 4'. Siamo quasi alla fine (in tutti i sensi).. spunta Luca da sinistra con una progressione pazzesca e va a superare altri due che mi precedono. Volatona finale con altri due runner (vinta) e poi -finalmente- ..RESPIRO! Che battaglia ragazzi! 24'03, 69° assoluto, 14° MM45. Son soddisfatto. Nulla di pazzesco, ma comunque ..meglio della nazionale.

lunedì 11 giugno 2012

Notturna di Caluso, come in un flipper!

2 commenti
[Caluso: il percorso di gara]
Bella gara l'altra sera notte, con partenza e arrivo nella piazza del paese di Caluso, famoso se non altro per il rinomato vino bianco Erbaluce. Partenza prevista alle 20.30, ma ritardata fino alle 21.00 con i podisti che per più di mezz'ora  sono rimasti nervosamente sulla linea della partenza ad attendere lo sparo col dito sul start del cronometro.. cose che capitano, ma qualche podista è rimasto vittima di una crisi di nervi! Quest'anno percorso tutto cittadino, caratterizzato de ben quattro giri tra le tortuose strade del paese: il primo molto breve, di disimpegno, poi tre giri da 2,5 Km ciascuno, ma non tutti uguali. Così mentre sfrecciavi lungo una delle strade, capitava di vedere gli altri nell'isolato adiacente correre in senso opposto, come in un lungo serpentone arrotolato su se stesso. Anzi, come in un flipper, dato i numerosi e bruschi cambi di direzione!
Dopo un buon riscaldamento eccoci alla partenza: l'intento è quello di distribuire bene le energie lungo gli 8 Km previsti, peraltro conditi da numerose salite e discese. Ci riesco. Ne risulta una corsa a ritmi per me molto elevati (cardio fisso a 174!) ma comunque buone sensazioni. Chiudo in 34'34, molto soddisfatto. 80° assoluto (17°MM45) su 343 arrivati.

venerdì 8 giugno 2012

Judo a Giaveno

0 commenti
Domenica scorsa, giusto dopo la mia gara podistica di Cossano, ci siamo recati a Giaveno per la gara di Emanuele. Con noi il suo compagno di Jacopo. Nel bel centro sportivo, la palestra è preparata con sala peso, sei katami, giudici di gara e quant'altro. I numerosissimi partecipanti fanno slittare l'ora di inizio di un ora abbondante. Poi partono gli incontri e bambini di 7 -9 anni iniziano ad affrontarsi in rapida successione. Incredibile come a questa età alcuni di questi abbiano già una idea molto chiara dell'obiettivo da raggiungere, e applicando le tecniche imparate, atterrano l'avversario senza tanti indugi, mentre altri affrontano l'avversario in maniera più giocosa, dispersiva e dunque meno efficace ai fini della vittoria. C'è una consapevolezza diversa. Ma così deve essere a questa età. Io capisco molto poco di questo sport, ma alcuni incontri sono impressionanti per velocità e precisione di esecuzione.
Emanuele termina 3° nella sua batteria (1 incontro vinto, 2 persi) mentre l'agilissimo Jacopo arriva 2° (2 incontri vinti, 1 perso).

[Emanuele, con la cintura gialla]
[Jacopo, con la cintura arancione]

martedì 5 giugno 2012

Stracossano, avanti piano...

2 commenti
Domenica scorsa ho partecipato a questa gara collinare, valevole per il Campionato Canavesano, caratterizzata da un percorso molto molto bello, un unico anello con partenza e arrivo dal piccolo paese, di cui poco prima non sospettavo neppure l'esistenza. Dieci Km di stradine in mezzo alla campagna tra asfalto e sterrato, su continui saliscendi ma con pendenze sempre ben corribili. Come tre giorni fa a Leinì, l'aria è carica di umidità e di nuvole basse. Ancora fresco del fiasco di Leinì parto un po' prudente per poi allungare, soprattutto nelle discese. Anche oggi non riesco a correre come vorrei e mi rimane di fondo una sensazione di inadeguatezza. Così è fino alla fine, non ostante una piacevole lotta a colpi di sorpassi con i corridori vicini negli ultimi Km. Termino in 45' in 50ma posizione, su quasi 200 arrivati. Solo 13mo di categoria, ma ormai a questo non ci faccio più caso. Comunque, ..quand'è la prossima?

lunedì 4 giugno 2012

Silvia alla Monviso Vertical Race

3 commenti
..ovvero 1000m. di dislivello per 4Km di sviluppo, proprio ai piedi del Monviso.
Dopo un'ora e 40' di viaggio in auto arrivo a Crissolo.
Della mia Società scopro ce siamo ben in quattro! Mi iscrivo, capisco dove dare il sacchetto per il cambio all'arrivo, a chi lasciare le chiavi dell'auto (e già oggi Giorgio non c'è...). Mi cambio e poi faccio finta di riscaldarmi, in realtà cerco di far passare quel quarto d'ora che mi separa dalla partenza.
Sono sorpresa della mia rilassatezza. Al via parto tra gli ultimi e ci rimarrò fino alla cima.
Ad essere sincera mi aspettavo qualcosa di più dal percorso: d'accordo panorama d'eccezione, ma dalla metà in poi, nemmeno che so, una curvetta, uno cambio di versante, un albero, una malga, una baita, anzi, sì giusto una.... quindi solo molta, molta, "rampa".
Concludo in una ora ed un minuto, tempo che tutto sommato mi aspettavo ad essere generosa con me stessa.
Chiacchierando con le fortissime Anna G. e Marina P., decido di aspettare la fine della premiazione, che mi vede 2° di categoria, e a metà classifica tra tutte le donne.
Torno a casa in uno stato di torpore vigile alle 15.00 circa, con una festa di bimbi che mi aspetta. Domani tocca ad Enrico.

CLASSIFICA QUI

[A destra, Silvia in prossimità del traguardo - Foto via blog "Gli Orchi"]



sabato 2 giugno 2012

Trofeo Setzu, a orecchie basse

4 commenti
Ho corso giovedì scorso quella che è ormai una classica delle notturne, in quel di Leinì. Quest'anno l'organizzazione ha proposto un percorso leggermente variato rispetto alle precedenti edizioni (e leggermente più lungo), a causa della presenza di lavori in corso in zona.
Come tradizione c'è un'umidità altissima e un sacco di gente al via. Mi scaldo con buone sensazioni. Allo sparo inizia una corsa subito a ritmi elevati (per me) ma sempre con buone sensazioni. Tuttavia a metà del terzo Km qualcosa non funziona più, il meccanismo s'inceppa e sono costretto a calare il ritmo. Inizio a subire una processione di sorpassi in cui riconosco tutti gli amici-avversari di sempre. Il cuore batte a ritmi più alti del solito, ma le gambe proprio non ne vogliono sapere di girare. Inutile prendersela, quando è così. Mi ero abituato troppo bene: da quattro anni in questa gara miglioravo il mio tempo! Che sia da monito ad allenarsi con più costanza. Alla prossima.

Km1: 3'46
Km2: 3'48
Km3: 4'02.. inceppamento..
Km4: 4'20
Km5: 4'22
Km6: 4'19
Km7: 4'18
600m: 2'41

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
.