sabato 2 giugno 2012

Trofeo Setzu, a orecchie basse

Ho corso giovedì scorso quella che è ormai una classica delle notturne, in quel di Leinì. Quest'anno l'organizzazione ha proposto un percorso leggermente variato rispetto alle precedenti edizioni (e leggermente più lungo), a causa della presenza di lavori in corso in zona.
Come tradizione c'è un'umidità altissima e un sacco di gente al via. Mi scaldo con buone sensazioni. Allo sparo inizia una corsa subito a ritmi elevati (per me) ma sempre con buone sensazioni. Tuttavia a metà del terzo Km qualcosa non funziona più, il meccanismo s'inceppa e sono costretto a calare il ritmo. Inizio a subire una processione di sorpassi in cui riconosco tutti gli amici-avversari di sempre. Il cuore batte a ritmi più alti del solito, ma le gambe proprio non ne vogliono sapere di girare. Inutile prendersela, quando è così. Mi ero abituato troppo bene: da quattro anni in questa gara miglioravo il mio tempo! Che sia da monito ad allenarsi con più costanza. Alla prossima.

Km1: 3'46
Km2: 3'48
Km3: 4'02.. inceppamento..
Km4: 4'20
Km5: 4'22
Km6: 4'19
Km7: 4'18
600m: 2'41

4 commenti:

corradito ha detto...

Ciao , si sudava a stare fermi, che umidità.

Ho faticato tantissimo anche io..

stoppre ha detto...

magari non ti sei scaldato benissimo e quindi sei anato su di giri..

franchino ha detto...

Mannaggia... non è partita la ventola quando ha iniziato a scaldarsi il motore...
probabilmente l'umidità e il primo scaldone ti hanno un pò fregato. In ogni caso la miglior tattica è sempre quella di allenarsi ;-)

La Polisportiva ha detto...

@corradito, è vero, però questo non giustifica il mio calo di ritmo... credo invece che alla base ci sia un periodo un po' di stanchezza generale.

@pre, vero. Riscaldamento minimo..:-(

@franchino, ah, ah! sei spiritoso e anche molto saggio!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
.