domenica 21 settembre 2008

Quaranta e non sentirli...

0 commenti
Silvia&Enrico, Carola, Emanuele, Silvia C.&Matteo, Luca, Edoardo, Marco Junior (2 mesi!), Marco&Francesca, Federico, Alessandro, Alberto&Natalia, Simone, Elena&Carlo, Francesco, Stefano, Serena, Lorenzo, Donatella&Paolo, Maurizio&Nadia, Lorenzo Junior.
!!!Compleanno di Silvia!!!


Entroterra di Finale, vallone di Rian Cornei: il folto gruppo raggiunge tra la vegetazione la falesia dell'Eco con l'intenzione di arrampicare sui bellissimi tiri, ma da lì a breve un improvviso temporale costringe a ripiegare. Solo Matteo, Luca ed Enrico riescono a salire un tiro ...





Nel pomeriggio, la rivincita: "Aspettando il Sole", (maco a farlo apposta...), podere secolare adattato ad agriturismo, ospita la compagnia e permette di festeggiare degnamente.

[Foto dall'alto: Silvia ed Elena; la compagnia nella piazzetta di Final Borgo; Matteo sull'unico tiro salito...(ma è lui o non è lui??)]

venerdì 19 settembre 2008

Test Conconi: considerazioni

11 commenti
Fatto ieri, sul tapiroulant. Sorgono alcune perplessità su come interpretare...ogni commento è bene accetto ...

Metodo: ogni 200m. si aumenta di 0,5 Km/h. Ne risulta la curva qui riportata (BLU) .

Considerazioni:

la sognia anaerobica "dovrebbe" trovarsi a 169 battiti, che corrisponde a una velocità di 16 Km/h. Dico "dovrebbe" perchè individuare il punto di perdita della linearità non è mai così evidente, almeno per me.

Se faccio riferimento alle recenti gare podistiche serali (tra i 6 e i 7 Km), vedo che le ho corse ad una frequenza media di 170-175 battiti/min: essendo che su quete distanze così brevi si corre poco oltre la soglia, deduco che 169 è un valore di soglia plausibile.
Riporto ora, come riferimento, anche la curva relativa al test fatto nell'analogo periodo dell'anno scorso (rosso).

Considerazioni:

- ai bassi regimi (120 - 140) vado uguale: le 2 curve sono sovrappposte).
- ai regimi medi (140 - 170) sono migliorato: a pari velocità ho 5 battiti in meno

- ai regimi alti (sopra i 170) sono molto migliorato: es. a 18 Km/h quest'anno ho 7 battiti in meno).

Questo potrebbe spiegarsi con un miglioramento causato dalle gare serali (corse sopra soglia) che ho corso quest'anno (10 gare tra maggio e settembre). L'anno scorso neanche una...

mercoledì 17 settembre 2008

Notturna di Caluso

0 commenti
Enrico.

Bella gara, tutta attraverso le strade del paese: 3 giri tra salite, discese, asfalto, ciotoli, pietre, curve, controcurve. Percorso non semplice.

Parto un po' in sordina, sia perchè ho fatto solo 5' di riscaldamento, poi perchè non conoscendo il percorso non voglio tramortirmi al primo Km.

Dopo il primo giro cerco di spingere il ritmo ma senza riuscirci: sono le gambe che proprio stasera non girano…pazienza, sicuramente è dovuto alla bici+lo skiroll di questi ultimi giorni. Il fiato c’è, tant’è che arrivo al traguardo senza sforzo.

Tempo 25’30” per 6,3 Km = 4’03”/Km
52° su 137 = 38%

Questa è l’ultima delle gare podistiche, in vista della stagione invernale…mi smentirò??

domenica 14 settembre 2008

Weekend cultural-sportivo

2 commenti

Silvia, Enrico, Carola, Emanuele.

Sabato 13.

- Enrico: allenamento con skiroll sulla "panoramica" di Torino: salita in pattinato, curando lo stile dei vari passi; discesa il bici. Il tutto 2 volte (usate 2 biciclette!).

- Corsa in salita sulla collina di Superga: tempo record (? dubbio lecito: non si segna mai i tempi..) per Silvia, che sale e scende apparentemente senza sforzo…

- Pattinaggio: Emanuele ai roller (e bicchieri) ai giardinetti sotto casa…e guai a toglierglieli!
.
.
.
.
.
.
.

Domenica 14.
In bici col carrellino fino in Piazza Castello, poi visita al “Museo delle Antichità” e alla annessa mostra “Il Celeste Impero”, suggestive statue dell’armata dei guerrieri cinesi di terracotta risalenti al 200 a.c. Troppa gente però.
[Foto dall'alto: La locandina della mostra; "Ritratto di fanciulla" di Leonardo; Ema: colpo di sonno in P.zza Castello]

sabato 6 settembre 2008

Coppa del Mondo e Campionato Europeo

0 commenti
Enrico

5-6-7 Settembre: 4 gare tra Cesana, Sestriere e Torino. Per i Master è "solo" Campionato europeo, per gli altri...World Cup. Scusate se è poco...

Per una serie di impegni lavorativi, venerdì non posso liberarmi e salto la gara "prologo" di Cesana (6 Km tecnica libera). Questo comporta l'esclusione anche alla gara di sabato mattina, quella cui tenevo veramente: la Cesana-Sestriere: 13 Km in passo classico, che già feci l'anno scorso: una gara bellissima, che mi è rimasta nel cuore.

Mi rimane la gara di consolazione sabato pomeriggio in Torino centro (Via Roma): 200 m sprint.

Per me che mi alleno in vista delle gare di gran fondo di 40 e più Km (e per di più sugli sci), questa è una gara improbabile...è come se un maratoneta decidesse di partecipare ad una gara di 100m. Ma tant'è l'occasione è ghiotta..
Così alle 15 mi reco in bicicletta verso il centro, skiroll e bastoni al seguito e nel rimorchio.. Carola ed Emanuele.

In Piazza S. Carlo è già aria di grande evento: banda musicale, majorettes, un squadra di hokey, sfilano attirando l'attenzione del pubblico, poi arrivano gli atleti, Italia, Svezia, Norvegia, Olanda, Germania, Russia, Francia, Rep. Ceca, .....iniziano i prerparativi.
Intanto osservo il percorso: da P.za Castello a P.zza S. Carlo: 200 m. di asfalto lisci e aderenti come mai si era visto...

Problema 1: devo trovare qualcuno che guardi Carola ed Emanuele: mi guardo attorno tra la folla: dopo qualche tentativo infruttuoso, la sorte mi sorride: conosco Angioletta, e il nome dice tutto, che a bordo pista osserva la gara con i suoi 4 figli (skirollisti). Questo mi permette di fare la gara e di passare al problema 2.

Problema 2: devo trovare il modo di non ammazzarmi su questo rettilineo...inizio a provare con gli altri. La scorrevolezza inusuale dell'asfalto gioca già qualche brutto scherzo: qualcuno è già caduto. Lycra in pezzi. Piano piano mi abituo al nuovo asetto.

Problema 3: dopo i 200m. di accelerazione, si taglia la fotocellula: da qui rimangono circa 40m. utili a frenare, poi il micidiale porfido e le transenne con i masterassi...poi solo l'ambulanza con la porta già aperta!

Alle 17 iniziano le prove individuali di selezione. Il tabellone scandisce il conto alla rovescia: 5, 4, 3, 2, 1 ..scatto in avanti, quache spinta in "doppio" per poi passare al "lungo", cercando di mantenere le spinte più rapide possibili. Taglio il traguardo a velocità folle, divarico gli skiroll e allargo le braccia per farmi prendere al volo dai 2 addetti alla frenata...sopravvissuto.

Come c'era da aspettarsi il mio tempo non basta a qualificarsi per le finali ( che si svolgeranno a coppie con scontro diretto).

Bel resoconto della gara con foto e classifiche su :http://www.skiroll.it/2008/WorldCup2008/torino/06092008B/06092008B.htm

venerdì 5 settembre 2008

Notturna di Argentera

2 commenti
Enrico.

Corsa podistica. Per me è la ripresa dopo la pausa estiva. Sono allenato ma in maniera assolutamente non specifica: bici, skiroll, pattini, …ma le scarpe da corsa proprio non le metto da un bel po’.

Ore 19, piacevole brezza serale. Mi cambio e pago il prezzo: 5 euro costa il biglietto per riconciliarsi con se stessi e col mondo. 5 euro per 5700 metri di asfalto piattissimo, in mezzo ai campi di mais. Un volo rasoterra senza fiato di una manciata di minuti in completo debito di ossigeno. Ricordo a me stesso che ora tutto quello che conta è mantenere la velocità costante e massima, la mente sgombra ma focalizzata solo sulla prossima falcata. Così è. …Pronti? Via! Un viaggio dura un attimo. Il crono si ferma: 22’41” che vale un modesto ma piacevole sesto posto di categoria.

Chi invece ha fatto sul serio è Igor, sempre più in forma: 2° assoluto a una decina di secondi dal primo, di una decina d’anni più giovane di lui.

P. Medie: 175
P. Max: 183
Vmedia: 3’58”/Km.
44° assoluto su 128 arrivati = 34,3%
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
.