giovedì 17 dicembre 2015

Sgambeda 2015: toccata e fuga

Sempre bello esserci, lassù a Livigno, in fondo alla conca. Pur senza allenamento, senza neve, senza un po' di tempo per guardarsi attorno, per permettere ai polmoni di assorbire del tutto quell'aria che -qui a 1800 m. e arrivando dalla pianura- è pur sempre rarefatta.
Domenica mattina: la pista è il minimo sindacale ma pur sempre un mezzo miracolo dell'organizzazione data quest'anno la totale assenza di neve, freddo e qualsiasi possibile perturbazione da più di due mesi ormai: un anello da 6 Km, peraltro perfettamente preparato,  si snoda sul pascolo di fondo valle. Bisogna percorrerlo 4 volte, per un totale di 24 Km.

Ieri sera in albergo ho sciolinato di nuovo, dopo tanto tempo  con base stick a caldo e alcune mani di stick multigrade 0 -2°C secondo il consiglio di Pierino Confortola. Stamane una bella colazione e mi schiero alla partenza, non senza aver assistito (e filmato) la partenza delle categorie elite donne e elite uomini. La mia strategia prevede una partenza nell'ultimo gruppo (quest'anno scelta volontaria) per poi fare una gara costante e cauta, cercando solo di distendere il passo. Così avviene. Nel secondo giro vado un po' in crisi respiratoria (prevedibile..) ma mi riprendo presto e senza troppi problemi arrivo in fondo.

Tutto molto godibile. Chiudo in 1h35'44", al 505° posto e circa all' 80% della classifica, con i parziali mi danno in leggera perdita ad ogni giro. Ma quest'anno più di così non mi era concesso di fare. Segue consueto pasta party con premiazione.
Sempre bello esserci.



Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
.