martedì 28 luglio 2009

Pattinaggio notturno in Torino

Ieri, partenza ore 21: con la bella Silvia, grande cavalcata notturna di un paio d'ore tra ciclabili, pedonali, lastrici, tombini, portici, ecc. automobili e pedoni . Lungo Dora (ciclabile appena asfaltata, yuk!), Giardini Reali, Piazza Castello (marmi spettacolari), Via Roma, Stazione PN, Valentino, Lungo Po, Sassi.
Tot. 17Km, compreso mega gelato pistacchio-stracciatella.
Bello!!!

Di seguito, video ispiratore-didattico del gran Sebastian.

5 commenti:

Francorre ha detto...

La Polisportiva non si fa mancare niente. Nessun sport o attività fisica è precluso.
V= DxT
F= Ma
Ogni forma energetica e cinematica è realizzabile dal team Franconi.
Saluti

the yogi ha detto...

quoto franco: ogni tanto fatevi anche una briscola! ;))

La Polisportiva ha detto...

@Franco, beh, gli sport motoristici sono esclusi. Per il resto gli farei proprio tutti!

@Yogi, meglio una scopa! :-D

Ciccò.rre ha detto...

ma toglimi una curiosità:
oltre alla convergenza e alla "T" come cavolo si fa a frenare con gli skyroll?
Nel senso, spesso li incrocio nelle mie uscite in bici che salgono le mie stesse salite ... Ok, ma poi come fanno a scendere?

La Polisportiva ha detto...

@ciccò.rre, gli skiroll sono un attrezzo da salita e pianura. Non si possono fare discese, se non lievi. Se uno si allena in piano non c'è problema. Se si allena in salita, normalmente si scende di corsa (con gli skiroll in spalla e i bastoni in mano) o con l'ausilio di qualcuno che ti recupera con l'auto. Io usavo anche un metodo auto+bici+skiroll, un po' macchinoso a dire il vero.
Non ostante questo grosso problema, è un attrezzo fantastico e il movimento molto completo. Si capisce che mi piace molto???!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
.