giovedì 23 giugno 2011

Gara di Nole, aspettando il treno...

Posto solo ora questa gara che ho corso giovedì scorso, in quel di Nole, una delle 'notturne' del Campionato Podistico Canavesano, ma questo Giugno si sta rivelando un periodo un po' difficile per noi della Polisportiva e dunque si fa quel che si può..
Gara strana. All'atto dell'iscrizione si viene informati che la partenza è posticipata dalle 20.30 alle 21 perchè "bisogna che passi il treno".. ah ecco, e che la lunghezza del percorso è pari a 5,85 Km contro gli 8 attesi.. ha però..immagino per evitare di finire col buio..
Si delinea quindi una gara velocissima, esplosiva, di grande apnea. Insomma proprio quello che uno si augura al termine di una faticosa giornata lavorativa... Ma si sa non siamo qui per divertirci e il colorito carosello dei riscaldamenti prende atto tra le strette vie del centro del paese.
Finalmente si è tutti schierati alla partenza. 270 indici sullo start del crono.. Pronti? ..si,  ma il treno non è ancora passato. Bisogna aspettare. Un carabiniere controlla il convoglio all'orizzonte ma.. niente. Il treno no c'è. Passano i minuti. Nervosismo. Qualcuno inizia a raccontare barzellette...Silenzio. A ripensarci mi è piaciuto un sacco, una cosa da far-west. Finalmente ..eccolo il cavallo d'acciao, (ma non lo si vede nè si sente però passa..). Tuona il fucile, la mandria dei bisonti scatta... 

Primi 200m rischio caduta tra la calca e i cubetti di porfido, poi giro breve  e si ripassa per il via.. Primo cartello con scritto '1' il vecchio Polar dice 3'23".Vacca boia, non è possibile che sia un mille, saranno gli 850m penso. Viaggio costante, teso ma non al limite..in realtà batto a 175, 177, 179 ... oggi la Pompa funziona penso, perchè per me quelle sono pulsazioni da sprint finale (prima del black-out), non da metà gara.. ma è così. Km2 e Km3 a 3'45.. Km4 a 4'12 .. hai hai, forse è leggera salita, forse inizio a calare Km5 a 3'57. Qualcuno sopraggiunge da dietro e mi passa.. è chiaro che sto finendo la benzina, anche se le gambe le sento ancora molto bene. Ma devo limitare i danni e sperare nel traguardo. Mi passano Gianlu e Marco della podistica Leinì, che viaggiano appaiati con un passo incredibile, poi a 500m dal traguardo mi passa Stoppre, come da migliore tradizione, che sta sprintando con Dario, trovo lo spunto di accodarmi e partire a mia volta. Il finale è stampato nella mia mente e, nella penombra della sera, lo rivivo come fosse al rallentatore: quattro o cinque silouette che volano verso il gonfiabile del traguardo. Bestiale.

Concludo a 22'35 a 174di media (con ultimo Km a 180 di media e 184 di massima !!??!?)
58° assoluto a un ritmo medio di 3'51/Km



6 commenti:

stoppre ha detto...

dobbiamo sincronizzare sti gps, a me viene 3.52..... bella gara anche questa, forse hai sparato troppo l'inizio ma a posteriori è facile dirlo!

Marco Bucci ha detto...

Concordo, e' meglio finire in crescendo.
Probabilmente devi lavorare di piu' sui 200 con meno recupero...
L'acustica di Jimi e' una chicca rara...

GIAN CARLO ha detto...

Partire veloci e' comunque segnale di motore potente ...bisogna lavorarci sopra.

Pimpe ha detto...

come ti passa stoppre.. ma sgambettalo.. passagli una bottiglia di birra che rallenta...... :-))))

fathersnake ha detto...

Da come vai quest'anno mi sa che su quel treno ci sei salito :-)

La Polisportiva ha detto...

@pre, ..è per farti sentire che comunque ero più veloce di te!! :-D.. Comunque ho messo in pratica il motto del prefontaine, quello del 'suicide pace'!!

@MarcoB, a mio dire la versione acustica di 'I hear my train coming' è più originale della più nota versione elettrica...ah, il blues..

@Janko, tengo i tuoi consigli sempre in primo piano..

@Pimpe, ..in gara non beve..:-(

@Father, dai che con il 'quinto giorno' ci salti su anche te!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
.