giovedì 26 giugno 2014

Costruire una barca a vela

Fin dal primo momento che l'ho vista ha catturato la mia attenzione. Una barca in legno con una linea classica accattivante e armo tradizionale con vela al terzo. E' stata progettata all'insegna della semplicità e della leggerezza da un signore australiano, tal Michael Storer, e si presta molto bene (si dice  in rete) alla la costruzione amatoriale. Ce ne sono già svariati in giro per il mondo, per lo più negli USA, Australia, Sud America. Pochi in Europa, ma non ne ho trovato ancora nessuno in Italia.

E' da un mesetto che mi gira in testa l'idea. La settimana scorsa
ho comperato il progetto con i disegni. Adesso che la fase irrazionale -passionale è passata, posso annunciare che ho deciso anche io di lanciarmi nell'impresa.
Si tratta del "Goat Island Skiff", o più brevemente "GIS", qui di seguito in qualche eloquente immagine.
Per ogni ulteriore dettaglio rimando al sito del progettista: http://www.storerboatplans.com/











4 commenti:

Francesco Lenzi ha detto...

Complimenti, davvero una bella scelta per la linea semplice ma allo stesso tempo affascinante.
Bravo.

Enrico Franconi ha detto...

@Francesco, Grazie. I complimenti sono per il coraggio ( o l'incoscienza?) nella decisione presa. Il risultato finale è tutto da vedere..:-/

Anonimo ha detto...

Coll'esperienza che hai nel lavorare il legno (mobili, librerie, etc), costruire il GIS sarà uno scherzo! E costruire una barca (o un kayak) é il solo modo di costruire il mezzo di trasporto verso i nostri sogni e/o piccole avventure. Vuoi mettere il gusto di un branzino pescato alla traina sul GIS che ti sei costruito? Coraggio, il momento più duro é comprare i piani!! Guido

Enrico Franconi ha detto...

@Guido, pregusto già il branzino pescato dal GIS autocostruito!

Grazie del prezioso sostegno tecnico e morale..

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
.