sabato 2 aprile 2016

Silvia alla Cima degli Ortetti (2979 m.)

[ultimi metri per giungere in cresta]
 Mentre Emanuele ed io veleggiamo sul lago di Viverone e Carola galoppa al maneggio, Silvia arranca su questa classica delle Valli di Lanzo in compagnia di Mario e poi anche di altri amici, incontrati lungo la via.
Partenza da loc. Cornetti (Balme) a quota 1446 m. Tutta la gita si sviluppa su un versante Nord (ma aperta a Est), per un dislivello complessivo di circa 1500 m.
Dopo aver risalito la valle e superato un laghetto l'itinerario si addentra nel vallone degli Ortetti vero e proprio per risalire alla fine (a circa 2000 m.) un canalino tra
le rocce. Una rampa finale a 45° di una cinquantina di metri conduce fino a pochi metri sotto la cresta, a quota 2930 m. Tolti gli sci, si può giungere fino in cresta. La vetta vera e propria degli Ortetti rimane comunque inviolata (avrebbe richiesto ramponi e picca). In discesa neve di tutti i tipi, in generale non troppo godibile: farinotta già appesantita in alto, poi crosta, vagamente portante a tratti e poi nel bosco, ben sciabile marcetta.

[alla fine della rampa nevosa]
[alla fine della rampa nevosa]
[Cima degli Ortetti, pendio finale]
[uno sguardo verso il basso]

2 commenti:

marianorun ha detto...

Sempre sportivi, ad angolo giro! Grandi. La montagna è farinosa e fascinosa: con i piedi per terra si può salire in paradiso. La lentezza permette di gustare pure i brividi di freddo, sempre che anche il sole sia sportivo... Ciao!

Enrico Franconi ha detto...

Mariano, grazie, ma l'angolo giro è forse più che altro angolo ottuso. Non so, a volte mi rimane il dubbio.. ;-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
.