martedì 29 novembre 2016

Mt. Jafferau, dopo l'alluvione

[Ema e Silvia salendo la parte alta]

Domenica 28, primo giorno di sole dopo l'alluvione che Venerdì che ha duramente colpito il Piemonte e in particolare la Val Chisone


Le condizioni della neve sono sicuramente delicate e in generale pericolose, con un limite nettissimo della quota d'innevamento: sotto a 1800 m. prati verdi, sopra un paesaggio bianchissimo e carico di neve 
fresca e umida. (In certe foto girate su internet oggi appariva quasi patagonico). Prudentemente scegliamo la gita allo Jafferau (2817 m.) con pendenze moderate e soprattutto con uno sviluppo quasi interamente sulle piste da discesa (ancora chiuse ma battute) di questa parte del comprensorio di Bardonecchia. Anche l'ultimo tratto sotto la vetta (oltre le piste) risulta stabile in quanto il vento ha spazzato il pendio lasciando affiorare qualche pietra. 

Discesa su neve non eccezionale, ma comunque godibile.

[Pendio finale e vetta]

[innevamento in alta val di Susa]

[Incontri di vetta!]

2 commenti:

robiflinstone ha detto...

Bella gita. Da quelle parti ci andavo a sciare ogni we negli anni '60. Mi ricordo si un casco blu con la striscia nera :).

Enrico Franconi ha detto...

Ciao Roby, accipicchia eri bello attivo da queste parti.. sci, roccia, montagna... comunque si deirebbe la strada che poi ti ha porttato al ..mare?! Buona settimana.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
.